Istituto per i figli del popolo – Lorenzo Leone

Lorenzo_Leone_ Istituto per i figli del popolo-7

Istituto per i figli del popolo – Lorenzo Leone Il quartiere Bagnoli nell’area occidentale di Napoli è caratterizzato dalla presenza di luoghi e spazi che rappresentano dei punti interrogativi, solitamente posti alla fine della domanda “come riutilizzare questo spazio?”.  Tra i principali, oltre all’ex area industriale ILVA/Italsider ben nota a livello nazionale, vi è l’Istituto […]

Il ricordo del presente – Lorenzo Valloriani

FA_Fotografiadell'Architettura_Lorenzo_Valloriani_il ricordo del presente

Il ricordo del presente – Lorenzo Valloriani Il paesaggio è lo sfondo su cui tutto accade; per questo rappresenta un tema inesauribile da analizzare in fotografia. Raccontarlo per quello che è, in modo scarno, senza l’elemento emotivo, è il tentativo di questa indagine alla ricerca di reperti del nostro presente. Il ricordo del presente è […]

Spiaggia degli Olivi – Lorenzo Gaioni

FA Fotografia dell'Architettura_LorenzoGaioni_Spiaggia degli Olivi_2

Spiaggia degli Olivi – Lorenzo Gaioni É il 1929, l’anno della Grande crisi mondiale, quando Giancarlo Maroni, lo stesso architetto del Vittoriale degli Italiani, ha una grande intuizione: realizzare per Riva del Garda, Città del Sole, un lido marino. Nasce così la Spiaggia degli Olivi, concepita come la porta del Mediterraneo, inaugurata dal grande poeta […]

Dodici per dodici – Lorenzo Linthout

Lorenzo_Linthout_Dodici per dodici

“…Questo progetto è sospeso fra la reale fotografia ed la rielaborazione meglio definibile come “disegno” eseguita successivamente al momento dello scatto; tutti gli elementi sono reali, ma le facciate sono frutto di una composizione da me ideata, con un occhio tendente ad un linguaggio classico dell’architettura, espresso consciamente e riconoscibile attraverso le allusioni più impercettibili…”

Vertical Buildings – Lorenzo Linthout

Lorenzo_Linthout_Vertical buildings_04

“…L’architettura viene sublimata sottintendono spazi che dovrebbero essere abitati ma che qui appaiono come piste di un circuito stampato, uniti da un design raffinato e lineare, attraverso un lavoro di privazione fotografica…”